La Cicogna Nera

cicogna-nera

Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF, sostiene che è impossibile non riconoscere in volo una cicogna nera ed è quindi  logico presumere che il cacciatore che l’ha abbattuta il primo giorno di caccia nel padule di Fucecchio in Toscana si fosse rallegrato di quel bersaglio voluminoso, poco mimetizzato e facile.

Qualche giorno indietro alle Eolie parlando con alcuni locali ho appreso che fino a vent’anni fa durante la stagione migratoria transitavano sui cieli delle isole una  grande varieta’ di uccelli: upupe, allodole, beccafico, quaglie, formichiere, beccacce,avio, tortore, merlo de rocca, passeri, codabianco, codarossa.

Al passaggio, questi uccelli migratori, erano  accolti dai fucili dei cacciatori e presumo da zero bird-watchers. I racconti che  hanno fatto sono abbastanza orribili perchè’ parlano di fucili che hanno sparato per colpire  qualsiasi cosa transitasse sopra di loro con il solo scopo di usare in primis il fucile e poi abbattere per spennare, cucinare e mangiare.. In meno di trentanni hanno decimato tutte le specie migratorie in rotta verso l’Africa.

Pentiti non erano. Piuttosto, rammaricati per la bonanza esaurita. Non si può immaginare niente di più facile che procurarsi cibo gratis che cade dal cielo. Senza neanche la fatica di allevarlo.

A Bartolo, uno dei locali, gli si illuminano gli occhi ricordando come con una forchetta andava ad infilzare i gufetti dentro le tane nei tronchi degli alberi.

La maggior parte dei locali ha una pancia più grande di una donna al nono mese di gravidanza. Transitano di continuo negli ospedali di Lipari, Barcellona e Messina per curarsi problemi di salute che non sanno legati al loro sovrappeso.

Un giorno la scienza ricordando come la fauna e’ scomparsa non dovra’ fare altro che tagliare corto  e puntare il dito dritto sullo stomaco dei cacciatori..

Links:

 

   Facebook  Twitter  YouTube Linkedin

0 pensieri su “La Cicogna Nera

  1. Francesco dice:

    Non sopporto i cacciatori.Non capisco le loro ragioni,le loro strambe teorie.Si sentono tutti operatori ecologici indispensabili all’equilibrio naturale .Senza di loro le nostre citta’ sarebbero invase da cinghiali pericolosissimi i nostri bambini sarebbero aggrediti e divorati.I cinghiali si sa sono onnivori.Apprezzo molto il loro sforzo per aiutare tutti i cittadini il loro sentirsi il braccio armato della protezione civile.Abbiamo un paese disastrato,cade a pezzi,frana.Se questo esercito di armati deponesse il fucile e impugnasse un badile avremmo gli argini piu’ robusti di Europa e potremmo fermare le frane.
    Ma loro non intendono ragioni ,continuano a sparare a tutto quello che si muove e spesso si sparano fra loro.Parlano di riserva e un uomo arrivato in certe regioni deve averne le quote.La cosa funziona cosi’..si allevano cinghiali,fagiani ,pernici ..si riempie un bosco di vita di una natura che vola corre si riproduce..un paio di guardia caccia daranno da mangiare alle bestiole che perderanno la naturale diffidenza verso l’uomo.Non si puo’temere un essere che tutti i giorni sorridente ci chiama per darci del cibo.Un giorno pero’ qualcosa cambia ..gli animali ormai fiduciosi dell’uomo verranno abbattuti in una festa tribale.In certi paesi la cosa viene chiamata “Cacciarella ” e alla fine tutti si fanno le foto compiaciuti come ai matrimoni ..pero’ ognuno tiene vicino un cinghiale per far vedere quanto e’ stato bravo.In quelle foto si dimostra la felicita’ di un essere per la morte di un altro essere vivente.In nessuna guerra si ammucchiano i caduti e si fanno le foto ricordo davanti ad una catasta sanguinante,in nessun funerale ci si spintona per farsi fare una foto,,per sorridere davanti alla morte.I cacciatori…loro lo fanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *